2022 E3 ZTF COMETina di successo

Si indubbiamente il clamore mediatico di questa cometa è stato molto superiore all’effettiva spettacolarità delle evento.

Andiamo a spulciarla ,è stata scoperta il 2 marzo 2022 nel corso della campagna Zwicky Transient Facility, tramite il telescopio Samuel Oschin situato presso l’osservatorio di monte Palomar. Ha un periodo orbitale di 50.000 e gli è stato assegnato il nomignolo di cometa di Neanderthal perchè il precedente perielio è avvenuto quando sulla terra camminava. l’uomo di Neanderthal. Alla data della scoperta la cometa aveva una magnitudine di 17,5 e si trovava a 650 milioni di km dal sole. A novembre 2022 la luminosità della cometa aveva raggiunto la magnitudine 10 . Il 12 Gennaio 2023 ha raggiunto il perielio passando ad una distanza di 166 milioni di km dal sole. Il 1 Febbraio ha raggiunto la minima distanza dalla terra , circa 42 milioni di km, sembrava dovesse raggiungere la visibilità ad occhio nudo ma non si riscontrano conferme , con piccoli binocoli era evidente anche se la debole coda era appena percettibile.

Io ho effettuato varie sessioni di ripresa con la CCd monocomatica , in una ho applicato anche il filtro R fotometrico in maniera da poter utilizzare le immagini per l’elaborazione per l’AFRHO del C.A.R.A project.

Scoperta2 marzo 2022
ScopritoriZwicky Transient Facility
Parametri orbitali
Perielio1,112 au
Afelio2800 au
Periodo orbitale50 000 anni
Inclinazione orbitale109,17°
Eccentricità1,00027
Longitudine del
nodo ascendente
302,55°
Argom. del perielio145,82°
Ultimo perielio12 gennaio 2023
MOID da Terra0,220 au[1]
Dati osservativi
Magnitudine app.< 6 ? (max)
Magnitudine ass.10,2

Afrho della cometa

2023 01 30
qui Immagine acquisita con fotocamera Canon 600D e obbiettivo Sigma 17-50 mm a f.2.8 sono 10 immagini da 30 secondi sommate con Astroart8 , La cometa e accanto alla stella rossa appartenente alla costellazione dell’Auriga.
altra immagine a largo campo ma questa volta con focale attorno ai 170 mm e utilizzando l’ astroinseguitore minitrack XL elaborazione Mauro F1 Ricchetti
Torna in alto