Messier ! M13

Ogni tanto rimonto sul telescopio principale la camera CMOS a colori e senza troppe fisime provo a riprendere qualche oggetto straconosciuto . questa volta e toccato a M13 l’ammasso globulare . Si perche se si vuo fare vedere un globulare a qualcuno questo è il piatto forte. Ce ne sono altri ma lui per l’emisfero boreale è il top di gamma. Un ripasso delle caratteristiche di questa meraviglia, è situato nella costellazione di Ercole una costellazione visibile in primavera e in estate . L’ammasso globulare (se non sapete cosa è un ammasso globulare cliccateci sopra) dista dal nostro sole circa 23.157 anni luce è stato scoperto nel 1714 da Edmund Halley (questo nome dovrebbe ricordarvi qualcosa) ha un diametro di 165 anni luce mentre quello apparente è di 23′ nel 1764 l’astronomo Messier lo incluse nel suo catalogo. La magnitudine apparente e di 5.8 al limite della vista ad occhio nudo da cieli iperbui e con occhi da 255 decimi . Contiene centomila e passa stelle ed ha una eta paragonabile a quella della nostra galassia cioè circa 12-14 miliardi di anni. Nel catalogo NGC (New General Catalog) ha il numero 6205. Ma torniamo sulla terra , ho effettuato una serie di scatti da soli 15 secondi in Binning 1 con la camera cmos Qhy294C e ne ho sommati 200 questo il 20 aprile 2022 . L’elaborazione molto soft è stata fatta con Astroart 8 .

M13 ripresa effettuata con newton 0,4 metri f.3.2 e Camera CMOS a colori QHY294C somma di 200 immagini da 15 secondi
Cartina stellare che indica la posizione di M13 all’interno della costellazione di Ercole
Torna in alto